fbpx

    Categorie

    Giovedì, 18 Febbraio 2021 15:36

    Ecco perché l'agricoltura del futuro avrà bisogno dei biostimolanti

    L'agricoltura del futuro non potrà prescindere dai biostimolanti, se vorrà essere sostenibile e capace di affrontare le sfide dei cambiamenti climatici. 

    I biostimolanti potranno ricoprire un ruolo sempre più importante nell'ottica di un'agricoltura sostenibile - finalizzata a ridurre l'uso di input chimici - e permetterà di fronteggiare gli stress ambientali indotti, soprattutto, dai crescenti cambiamenti climatici che hanno ricadute negative sulle colture.

    I biostimolanti sono una categoria di prodotti estremamente eterogenea: si va da sostanze naturali come per esempio le sostanze umiche - agli estratti di alghe o gli idrolizzati proteici fino ai microrganismi, che sono già stati identificati all'interno del regolamento europeo essere micorrize arbuscolaribatteri azoto-fissatori. Chiaramente non si tratta di una lista esaustiva, ma ci aspettiamo che in futuro il numero di microrganismi che verranno inseriti come biostimolanti possa essere ampliato.

    Nel 2019 è stato approvato il regolamento della comunità europea che rivede la regolamentazione sui fertilizzanti. E questa nuova normativa definisce i biostimolanti vegetali come prodotti organici, inorganici o microrganismi.

    L'Europa ha sostanzialmente definito i biostimolanti sulla base degli effetti agronomici che inducono sulle colture:

    • aumento della produzione
    • miglioramento della qualità
    • ottimizzazione delle sostanze nutritive
    • aiuto nel superare stress abiotici.

    Questo altro non è che il primo passo, in quanto saranno ora necessari una serie di regolamenti aggiuntivi che vadano a implementare questa legislazione e che permettano soprattutto di definire quelli che sono le procedure per consentire la registrazione dei prodotti alle società.

    Questa, in sostanza, è la riflessione del Prof: Giuseppe Colla del - Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali, Università degli Studi della Tuscia, Viterbo -. Il prof Colla anche quest'anno parteciperà alla Biostimolanti Conference approfondendo il seguente argomento: “Nuove tendenze della ricerca nel settore dei biostimolanti”. Con lui, già durante la prima sessione dell'evento, Lorenzo Gallo - Assofertilizzanti / Federchimica.  


    Gallo spiega ai nostri microfoni in questa intervista: "L'Italia è stata precursore di questi prodotti perché nella normativa nazionale erano già previste alcune tipologie di questi prodotti. La nuova norma europea si va a innestare su questo quadro normativo esistente. Quindi ci troviamo nella situazione in cui entrerà in vigore la norma europea di carattere più generale e che coinvolgerà tutti gli stati UE. Ma, la nuova norma europea - per un periodo di tempo - conviverà anche l'attuale norma nazionale e se la normativa italiana non dovesse essere armonizzata per tempo c'è un serio rischio di sovrapposizione.

    Il Dottor Gallo, quest'anno ci aggiornerà sul tema: “I biostimolanti tra il Regolamento europeo dei fertilizzanti e il Green Deal”. 


    Durante la 4^ sessione prenderanno la parola anche i professori Luigi Lucini - DiSTAS, Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza - e Pii Youry - Facoltà di Scienze e Tecnologie, Libera Università di Bolzano. Essi approfondiranno la: 
    “Comprensione dei meccanismi di azione delle sostanze biostimolanti attraverso l’integrazione della metabolomica e della trascrittomica”. 

    Lucini anticipa: "Sotto il termine biostimolante rientra una classe molto ampia di prodotti chimici dal punto di vista di composizione. Pertanto anche i meccanismi coinvolti di una pianta sono variegati. Un elemento comune ai vari prodotti è, però, la modulazione del profilo ormonale della pianta. Presupposto -questo - per una cascata di reazioni chimiche e di processi (come ad esempio il favorire la crescita, resistere agli stress, o acquisire nutrienti).



    Autore: Teresa Manuzzi 
    Copyright: uvadatavola.com

     

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca