fbpx

    Categorie

    Giovedì, 11 Febbraio 2021 17:09

    Cile: in arrivo 3 nuove varietà di uva da tavola

    Il Consorzio Asoex Fruit Technology sta procedendo ad un ritmo spedito per ottenere le sue prime 3 varietà di uva, sviluppate al 100% in Cile.

    Attualmente, ci sono tre selezioni avanzate di uva  di colore bianco, nero e rosso che potrebbero cominciare il loro processo di registrazione nel 2021. Tra le caratteristiche delle nuove cultivar primeggiano:

    • resistenza in post raccolta,
    • necessità di poca manodopera,
    • freschezza.

     

    L'obiettivo del Consorzio Asoex Fruit Technology è avere nuove varietà di uva da tavola senza semi con un'ottima tenta in post raccolta, con minore necessità di manodopera e resistenti all'oidio.


    “Il nostro Consorzio è al lavoro da circa 14 anni per lo sviluppo di nuove varietà per il Cile, attraverso i Programmi di Miglioramento Genetico per uva da tavola, lamponi, nocciolo, mele e ciliegie. È un lavoro congiunto tra ASOEX, l'accademia, attraverso l'Universidad Católica de Chile; il settore pubblico e l'industria. Ci sono anche partner e team tecnici di aziende esportatrici che fanno parte di questo programma e del Consorzio”, ha evidenziato Sergio Maureira, Responsabile del Consorzio Tecnologico Frutta Asoex.

    Maureira continua: "Collaboriamo continuamente con le aziende agricole per poter ottenere varietà che si adattino alle esigenze delle aziende cilene, dei mercati e delle caratteristiche degli areali di produzione. Il nostro obiettivo è fornire opzioni praticabili che permettano di sostituire le varietà di uva da tavola che hanno perso spazio nei mercati internazionali e tra i consumatori. Inoltre è fondamentale che performino bene in post-raccolta, poiché il nostro frutto dovrà percorrere lunghe distanze, e arrivare a destinazione senza perdere le sue caratteristiche di freschezza e qualità”.

    Patricio Arce, direttore del Programma di miglioramento genetico dell'uva da tavola (PMG) dell'Asoex Fruit Technology Consortium, ha spiegato: "Il nostro obiettivo è quello di sviluppare varietà per l'esportazione di frutti, e che tra le loro caratteristiche siano prive di semi, con colori definiti e bassi costi di produzione, ovvero con inferiori necessità di manodopera. Fondamentale risulta anche l'ottima tenuta in post-raccolta. Sono tutti aspetti che effettivamente le nuove selezioni possiedono. Inoltre, puntiamo a sviluppare varietà con resistenza all'oidio, che è strettamente correlata all'importanza della sostenibilità per l'industria frutticola cilena".

    Proprio a proposto della resistenza all'oidio Jorge Torres, agronomo presso Vida Produce Company (VPC) e membro del consiglio di amministrazione dell'uva da tavola PMG, ha sottolineato: "La ricerca di varietà che siano resistenti all'oidio è molto importante per il comparto; poiché, circa il 50% dei trattamenti effettuati su vite da tavola nelle nostre aree riguarda il controllo dell'oidio. Avere delle varietà che possiedono questo tipo di resistenza significa: minori costi di gestione per i produttori, maggiore sostenibilità della coltura, maggiore sicurezza per l'introduzione della merce su mercati più restrittivi, come l'Europa".

     

    Leggi l'articolo completo cliccando qui.

     

    Autore: Teresa Manuzzi
    Copyright: uvadatavola.com

     

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca